Casa > Notizie > Notizie del settore > La bicicletta condivisa di Sin.....

Notizie

La bicicletta condivisa di Singapore Obike è stata violata

Secondo i resoconti dei media stranieri, se hai guidato una bici condivisa con Obike per le strade di Singapore, Sydney o Londra, forse è probabile che le tue informazioni personali siano trapelate.



È stato riferito che Singapore Shared Bike Obike Security Invasion si è verificato in tutto il mondo. L'incidente è durato almeno due settimane. Molte informazioni sugli utenti, inclusi nomi, contatti, foto del profilo e indirizzi, sono trapelate online.

L'inizio dell'incidente dell'hacking non è chiaro, ma gli esperti di sicurezza di Taiwan hanno detto di aver trovato la falla a giugno e hanno detto ad Obike. Tuttavia, non hanno ottenuto la risposta dell'azienda.
L'invasione ha colpito gli utenti di Obike in tutto il mondo, poiché la società con sede a Singapore ha esteso le sue attività in città in Asia Pacifico, Europa e Regno Unito.

"Siamo consapevoli di questo problema e stiamo lavorando su questo problema", ha detto un portavoce di Obike. "Questo incidente di hacking riguarda solo una piccola percentuale di utenti, con dati personali esposti limitati al nome dell'utente, posta elettronica, indirizzo e numero di telefono.La nostra applicazione non memorizza il numero di conto della carta di credito dell'utente o la password e altre informazioni.

Il portavoce ha detto che gli hacker hanno sfruttato un "bug nella nostra API (application programming interface)". Attualmente, Obike ha chiuso l'API e aggiunto un ulteriore livello di sicurezza.
La bici condivisa Obike è parcheggiata senza un mucchio di parcheggi, gli utenti possono parcheggiare o accedere alla bici Obike in strada. Non è l'unico servizio di bike sharing. La Cina condivide giganti di biciclette, tra cui una piccola bici gialla e un mobike, del valore di oltre 4 miliardi di dollari.

Una settimana prima, il servizio taxi Uber è stato accusato di furto di informazioni personali di 57 milioni di utenti e autisti Uber nell'ottobre dell'anno scorso e la società ha pagato un riscatto di $ 100.000 per coprire gli hacker. Secondo i rapporti, l'hacker nel caso era un giovane di vent'anni proveniente dalla Florida.